rubertelli

HAIR & BEAUTY | DONNA & UOMO

Tre donne di epoche diverse e il loro modello di comportamento

Descrizione immagine

Sandro Botticelli, Nascita di Venere, 1482-1485 ca., Firenze, Galleria degli Uffizi (dettaglio)

Descrizione immagine

Eleonora Duse (1858-1924)

Descrizione immagine

Louise Brooks (1906-1985)

La donna mitologica del Rinascimento, a fine Quattrocento: la Venere di Botticelli, selvaggia, con i suoi lunghi capelli sciolti che coprono il corpo. Ancora oggi tutte le donne che amano i capelli lunghi e sciolti esprimono un temperamento un po’ selvaggio e imprendibile, sono scompigliate e amano il piacere del vento nei capelli; hanno  un atteggiamento ribelle, primitivo, legato alla natura.


La donna Belle Époque, della fine dell’Ottocento: Eleonora Duse con i suoi capelli lunghi ma sempre raccolti sulle sommita’ della testa. Il volume che alza la statura, slancia il collo, crea un portamento alto e fiero: sicura di sè e sicura di piacere. Ha una apparente aria fragile, angelica ed elegante e nasconde sempre un mistero dietro i suoi capelli raccolti e morbidamente legati.


La donna Art déco, di inizio Novecento: Louis Brooks, moderna icona di bellezza sconvolgente alla quale di ispira Crepax con la sua Valentina. Voluttuosa e minimalista, ambigua e sexy nel suo taglio alla garçonne, che caratterizza il viso evidenziandone i lineamenti. La frangia nasconde la fronte con un gesto voluto, la nuca rasata come se volesse farsi baciare indisturbata dai capelli. Trasgressiva, emancipata, dinamica, moderna, libera da ogni orpello. Alla fine anni Trenta Cocò Chanel si ispiro’ a questo taglio corto  di capelli che valorizzava con i suoi cappellini calati fino all’orecchio e che lasciano  solo intravedere la nuca corta  e le tempie contornate da ghise o basette lisce o ondulate. Tutte le donne di quell’epoca si ispirano a queste due pioniere dello stile e alle quali guardiamo ancora oggi. E' questo solo un aspetto della rivoluzione delle avanguardie che hanno caratterizzato l'inizio del secolo scorso, dall'architettura all'arte e al design, che fece piazza pulita di orpelli e sovrastrutture è inventò nuovi linguaggi. Molte donne sposano ancora oggi questo stile perche’ inconsciamente hanno le caratteristiche sopra citate. Anche gli stilisti di moda, in vari momenti, attingono a queste ispirazioni Liberty e Moderniste per le loro creazioni.


Morale:

Ti senti selvaggia, primitiva? Tieni i  capelli lunghi.

Ti senti fatale, angelica, elegante? Tieni i capelli lunghi e raccolti in uno chignon.

Ti senti trasgressiva, emancipata, dinamica, moderna? Taglia i capelli corti e scopri la nuca.

  

Alfredo Rubertelli