rubertelli

HAIR & BEAUTY | DONNA & UOMO

Parliamo di chignon

Descrizione immagine
Descrizione immagine
Descrizione immagine

La primavera/estate vedrà il ritorno dei capelli corti, ma le irriducibili dei capelli lunghi potranno raccoglierli in chignon.

Parliamo di chignon. Il capello lungo legato in un raccolto ha origini antiche, è sempre esistito fin dai tempi degli egizi. Fino alla fine dell'Ottocento i capelli erano semplicemente raccolti lunghi in acconciature o parrucche. Ai primi del Novecento compaiono i primi tagli corti, pur essendo sempre presenti capelli lunghi, medio lunghi e chignon.

Le tendenze nei vari periodi hanno visto diversi modi di portare i capelli raccolti, dal fai-da-te di oggi, con mollettone o elastico modello palestra o piscina, ai capelli sciolti e semi legati. Dalla treccia agli altri sistemi per sollevare la chioma dal collo le varianti sono molte ma comunque casuali e poco eleganti.

Oggi, anche in relazione ad una tendenza moda più curata e femminile, si richiede per le donne di tutte le età una ricerca più mirata ed elegante di raccogliere i capelli, anche in base ai propri requisiti.

Sarebbe interessante avere pettinature che evidenziano uno studio, una ricerca ed uno stile in sinergia al proprio modo di vestire.

Possiamo vedere nelle foto vari modi id pettinarsi con chignon: le forme sono infinite e così pure i dettagli che caratterizzano un modo sexy, elegante o divertente di portare i capelli lunghi raccolti.

Noi parrucchieri potremmo educare le nostre clienti a pettinarsi, organizzando mini-corsi di formazione e spiegando i dettagli necessari per realizzare uno chignon.

Capiterà spesso che i professionisti più giovani non abbiano la preparazione in questo campo e non siano in grado di eseguire queste acconciature e dovranno quindi essere loro, per primi, ad imparare questa pratica per poterla praticare e consigliare.

Questo ritorno al capello lungo ben pettinato o al taglio medio e corto miglioreranno l'immagine di ragazze e signore, superando la passata tendenza al casuale, selvaggio e spettinato.

Il momento difficile che stiamo vivendo richiede più coraggio, come sempre avviene nei periodi di crisi; occorre molta più grinta e spinta motivazionale per soddisfare le istanze di rinnovamento. La crisi che subiamo avrà almeno questo effetto: produrre miglioramenti nella qualità e nel linguaggio estetico. Ciò è confermato anche negli acquisti: si compera meno, ma si ricerca la migliore qualità. Lo stesso dovrebbe valere per la cura dei capelli: più attenzione e buone scelte nell'individuare l'esperto che saprà produrre un cambiamento di immagine in direzione della qualità.

Detto ciò, prepariamoci ad affrontare una primavera-estate di donna in corto, medio o lungo con chignon, ma comunque più ricercata e pettinata.

La mia ultima esperienza di mercato, osservando le donne in strada, nello shopping o davanti alle scuole, mi ha mostrato una situazione tutta da cambiare: la donna oggi è ben vestita ma male pettinata.

Buon lavoro a tutti.

 

Alfredo Rubertelli



Nelle immagini a fianco:

Léa Seydoux, Sonia Rolland, Isabella Ferrari, Festival di Cannes 2013