rubertelli

HAIR & BEAUTY | DONNA & UOMO

La bellezza salverà il mondo

Descrizione immagine

Questa affermazione di Dostoevskij che ho fatta mia, rappresenta anche in modo particolare questo momento di crisi socio-economica. La crisi, se da un lato penalizza, dall'altro può generare nuove iniziative e impulso alla creatività. Lo vediamo nel passato, quando spesso proprio nei momenti di crisi sono state create grandi innovazioni ed anche oggi, nelle aree più colpite dalla crisi, Italia, Grecia, Spagna, Portogallo, affiorano elementi di innovazione e ricerca nel campo dell'arte.

Mai come in questo momento diventa importante saper apprezzare, anche solo visivamente, la bellezza che ci circonda e che è di tutti; soprattutto in Italia, grazie alla eredità di chi ci ha preceduto. La bellezza è ovunque, non solo nelle opere d'arte, ma anche nella musica, nella danza, nella moda e soprattutto nella stessa natura, che include anche l'essere umano; il godimento di questo patrimonio non è legato a un possesso o ad un investimento economico, ma soltanto alla capacità e sensibilità di chi è in grado di capire.

Parlando dunque di bellezza e innovazione, se osserviamo le vetrine e le ultime sfilate di moda, notiamo che gli stilisti vestiranno le donne nel 2014-2015 con un ritorno all'eleganza, allo stile e al concetto di una donna molto femminile che si copre superando la volgarità che ha contraddistinto gli ultimi tempi recenti. Per noi parrucchieri l'adeguamento necessario sarà abbandonare lo stile casuale, banale spettinato che ha caratterizzato gli ultimi tempi e ricercare una bellezza più adeguata al viso della nostra donna. A questo proposito Armani ha messo in passerella per l'autunno-inverno 2014-2015 uno stile elegantissimo con pettinature a onde stile anni Cinquanta. Altri stilisti hanno raccolto i capelli a chignon, altri con tagli corti, ma soprattutto la grande novità è il cappello.

Il colore farà la sua parte, sia nel vestire che per i capelli; per quanto riguarda la colorazione, direi basta alle mechés e proponiamo colori decisi, con sfumature di colore diverso all'interno del colore di base della chioma. Il bicolore ci sarà, ma a settori, a ciuffi, o solo sulle punte.

Il nuovo modo di vestire sarà più ricercato, con più accessori che indurranno la donna ad adottare un atteggiamento più sofisticato: camminerà in modo più altero; sarà più studiato il modo di portare la stola, il collo di pelliccia e la borsa e come ho già detto, ci sarà il ritorno del cappello, che sarà il mattatore del futuro per la donna. Il cappello potrà essere sportivo, elegante o anche da sera. Ricordiamo che nel passato la donna non usciva di casa senza il cappello. Per questo allora come ancora oggi è indispensabile introdurre uno stile più definito, un taglio di capelli o una permanente, che consentano di togliere il cappello mantenendo intatto il proprio stile di pettinatura.

 

Alfredo Rubertelli